Default text, this is the text that 3.x browsers will see You can have lot's of ˜ here in stead. Or you can use a script to write in text only if it's Netscape 4 (you have to do that so that the layer gets some content or the written in text won't show correct.


Cerca nel sito



HOME
Il pesce mediterraneo
Il pesce nordico
Il pomodoro
La tavola di Carnevale
La tavola di Natale
La tavola di Pasqua
Le melanzane
Le patate
01. Le ricette
02. Dall'A alla Z
03. Antipasti
04. Primi piatti
05. Secondi piatti
06. Contorni
07. Piatti unici
08. Dolci e liquori
09. I miei ospiti
10. La biblioteca del gusto
Bibliografia e fonti



 Anthakarana
 Art Jewelry
 Blu Delfino Blu
 BluGoa
 Gli Occhi del Drago
 Il Ponte dell'Arcobaleno
 Il Raggio Verde
 La Pietra Verde
 Le Pietre delle Fate
 Moonwitch
 Navaratna
 Rainbowbridge
 Saraswati
 Silvermoon
 Surja
 SurjaAge
 SurjaWorld

Torna alla Home del SurjaRing

Hai voglia di partecipare attivamente? Vuoi vedere pubblicato un tuo intervento inerente gli argomenti trattati all'interno di questo sito? INVIACI un messaggio illustrandoci l'argomento che desidereresti trattare: ti risponderemo al più presto richiedendoti l'invio del materiale, ed anche una tua foto, se vuoi.

Pubblicheremo gli interventi che, a nostro giudizio, saranno ritenuti più originali ed interessanti.
Cartellate

Angeli dei Sette Chakra
Gli Angeli dei Chakra si rivolgono ad animi in cammino verso un sempre maggiore e consapevole equilibrio personale.
Donarsi o donare un angelo dei Chakra è un gesto colmo di simboli e significati.

Visualizza tutti gli Angeli dei Sette Chakra>>>
La Locanda di Donna Sofia
Cartellate

Categoria: Dolci.
Dolce (natalizio, tipico dell’area murgiana – e della mia famiglia)
Tempo di preparazione: 5 ore abbondanti, divise in due giorni

Ingredienti:
- 500 gr. di farina
- 3 uova intere
- 100 gr. di burro o margarina
- 1 pizzico di sale
- ½ bicchierino di un liquore aromatico (lo Strega andrà benissimo)
- scorza di limone grattugiata
- olio di semi per friggere
- 500 gr. di miele grezzo
- confettini colorati
- zucchero a velo
- cannella in polvere

Strumenti:
- una madia di legno
- una rotella per pasta
- una capace padella
- capaci scodelle di plastica o ceramica

Procedimento
Su una madia di legno mettete la farina a fontana, fate un buco al centro e rompeteci le tre uova; aggiungete il pizzico di sale e la scorza di limone grattugiata e sbattete il tutto un po’ con una forchetta, attenti a non rompere il baluardo di farina.
In un tegamino sciogliete a fuoco bassissimo il burro o la margarina (deve sciogliere senza friggere); lasciatelo intiepidire o meglio raffreddare e unitelo al composto di uova.
Mescolate, sempre con la forchetta, con cura e senza aggressività, cercando di incorporare un po’ della farina.
Aggiungete il mezzo bicchierino di liquore profumato, mescolate ancora e poi, lasciando da parte la forchetta, rompete gli indugi: con le mani pulite e senza fronzoli (anelli, bracciali, orologio) impastate il tutto cercando di tenere a mente gli antichissimi sapienti gesti di Irene Papas mentre interpreta la contadina lucana che fa il pane nel “Cristo si è fermato a Eboli” televisivo.
Non vi scoraggiate: inizialmente tutto vi sfuggirà dalle dita oppure tenderà ad appiccicarsi ad esse, ma continuando a lavorare e con l’ausilio di un po’ di farina aggiuntiva riuscirete ad avere una palla di pasta dorata e morbida che metterete sotto un tovagliolo umido in un angolo della madia. Spegnete i riscaldamenti: l’aria non deve essere calda né secca.
Pulite per bene la madia dai resti della battaglia con la pasta. Tagliate un pezzo dalla palla di pasta grande quanto un pugno, e utilizzando la macchinetta a manovella tirate una striscia di sfoglia sottile restringendo sempre più il passo della macchinetta, da 1 (il massimo dello spessore) a 5 (ci sarebbero anche 6 e 7, ma la sfoglia rischia poi di rompersi). Se siete esperti, usate invece della macchinetta, il mattarello e tagliate pezzi più grossi. La sfoglia dovrà avere, comunque, alla fine, forma bislunga e non rotonda.
Con una rotella tagliate lunghe strisce della larghezza di un dito.
Ora viene il difficile.
Ponete davanti a voi per il lungo una striscia. Utilizzando pollice ed indice inumiditi delle due mani pizzicate la pasta chiudendone i bordi fino a formare una vaschetta, all’inizio della striscia.
Proseguite fino alla fine ottenendo una serie di vaschette in successione. Arrotolate su di sé la striscia vaschettata e fermate i giri intermedi e la coda, sempre con la pressione delle dita.
Otterrete una rosellina di pasta con i bordi dentellati. Procedete fino ad esaurire le strisce, poi ricominciate daccapo con la sfoglia.
Questo spiega la pasta morbida, il tovagliolo umido, lo spegnimento dei riscaldamenti: il procedimento è lungo e se nel frattempo la pasta si secca, perdendo umidità, non riuscirete più ad “azzeccare” (incollare) i bordi delle vaschette e le code delle roselline, innervosendovi inutilmente.
Al termine, friggete in abbondante olio bollente le roselline, cercando di non farle rompere, e mettetele a scolare su carta assorbente in capaci terrine. Preparate una mistura fatta in parti uguali di cannella e zucchero a velo.
In un’altra padella, a fuoco lento, sciogliete alcuni cucchiai di miele grezzo con un paio di cucchiai di acqua. Se siete molto pigri, potete utilizzare anche miele raffinato, con cui cospargere a freddo le cartellate, ma sappiate che non è la stessa cosa.
Immergete nel miele caldo, sempre sul fuoco, le cartellate fritte a poche per volta, rigiratele con cautela per non farle rompere e far loro ben assorbire il miele, e ponetele in terrine di plastica o ceramica. Ad ogni strato di cartellate che formate, cospargetele di confettini colorati e di pizzichi della mistura di zucchero e cannella.
Ponete pure le cartellate le une sulle altre, sono leggere e non si pesano addosso.
Quando miele e acqua stanno per finire, aggiungetene altro, fino ad esaurire miele, cartellate, confettini, cannella e molta della vostra pazienza. Ma il risultato è una dolcezza antichissima, di origine greca, che vi riconcilia con il mondo e durerà per tutte le feste di Natale.

Due avvertenze:
a) la prima volta fatele in due persone, e dividendo il lavoro in due giorni, altrimenti la fatica vi stroncherà. b) Attenti al miele bollente: ustiona più dell’olio.
(per gentile concessione de Il Porto Ritrovato)
Altre ricette per la Tavola di natale
In riferimento alla recente legge del 2015 entrata in vigore il 2 giugno sui cookie, avvertiamo i visitatori che questo sito non utilizza cookie per raccogliere dati degli utenti ma solo cookie tecnici, necessari al funzionamento del sito e per consentire agli utente di accedervi.


Non dimenticare di iscriverti alle NewsLetter
del SurjaRing!

Vuoi un regalo dal SurjaRing? clicca qui

Ti piace questo sito?
Invita anche un tuo amico a visitare il SurjaRing!
clicca qui

Collabora con noi!
Sei esperto di un qualche argomento
e desideri divulgare nel web questa tua passione?
Hai voglia di diventare uno dei nostri?
Collabora con noi!
C'è uno spazio gratuito che ti attende
all'interno del SurjaRing.
Clicca qui




REGISTRATI
per ricevere novità
dal SurjaRing










Per la pubblicità su     questo sito clicca qui!

Segnala il SurjaRing     ad un amico

Partecipa al     SurjaForum

Fai di SurjaRing la tua     Home Page

Collabora con noi

Ascolta la SurjaMusica


Surja

Cristallidiluna

BluGanesha

Profumidoriente


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in
SurjaRing?


Ars culinaria
La Locanda di Donna Sofia


SurjaForum
Partecipa anche tu al Forum del SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in SurjaRing?


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


I CHING
Consulta l'oracolo: un nuovo servizio offerto da SurjaRing


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing


SurjaForum
Partecipa anche tu al forum del SurjaRing!




SurjaTeam
Chi collabora con SurjaRing?

SurjaLink
I siti consigliati da SurjaRing

SurjaDono
Richiedi il dono del SurjaRing

ScambioBanner


powered by Neomedia

© Copyright Surja s.a.s. Tutti i diritti riservati.
È vietato utilizzare i contenuti di questo sito senza autorizzazione.